Archivio: Chiamadomenica

“L’angelo mi mostrò la città santa” – Sesta domenica di Pasqua, anno C

“L’angelo mi mostrò la città santa” (Gv 21,10) Nella domenica in cui siamo chiamati a prenderci cura dell’Europa attraverso la partecipazione al voto, la Parola di Dio ci mostra una città: è la Gerusalemme del cielo, una sposa bella che prende posto nel mondo. Quanto ascoltato ci rivela il dono che ci è stato fatto, … +LEGGI TUTTO“L’angelo mi mostrò la città santa” – Sesta domenica di Pasqua, anno C »

“Egli sarà il Dio con loro”. Quinta domenica di Pasqua – anno C

“Egli sarà il Dio con loro” (Ap 21,4) Dinanzi agli occhi abbiamo tante situazioni pesanti che feriscono la nostra fiducia e, allo stesso tempo, ci interpellano: guerre e ingiustizie, forme vecchie e nuove di rifiuto e umiliazione, nonché tante fragilità, debolezze e contraddizioni di giovani e adulti. Ad un primo sguardo potrebbe sembrare solo questa … +LEGGI TUTTO“Egli sarà il Dio con loro”. Quinta domenica di Pasqua – anno C »

Come se vedessero l’invisibile – IV domenica di Pasqua

Come se vedessero l’invisibile Che cosa vediamo guardando la nostra famiglia, la nostra comunità, entrando in un ospedale, in una classe di scuola, camminando per le vie della città? A cosa ci chiamano le diverse situazioni che ci circondano? In che modo il Signore ci chiede di prendervi parte? Attraverso quali scelte concrete, oggi e … +LEGGI TUTTOCome se vedessero l’invisibile – IV domenica di Pasqua »

“Gesù si manifestò di nuovo” – Terza domenica di Pasqua, anno C

“Gesù si manifestò di nuovo” (Gv 21,1). In queste domeniche di Pasqua, Gesù Risorto fa visita più volte e in diversi modi ai suoi discepoli. Mentre stanno al chiuso per paura di venire perseguitati o si allontanano da Gerusalemme, tornando a fare il mestiere di pescatori, egli li raggiunge. Non sembra domandino la sua presenza … +LEGGI TUTTO“Gesù si manifestò di nuovo” – Terza domenica di Pasqua, anno C »

I discepoli gioirono al vedere il Signore – Seconda domenica di Pasqua – C

“I discepoli gioirono al vedere il Signore” (Gv 20,20) Non mi lascia per niente indifferente la gioia dei discepoli al vedere Gesù risorto. È una gioia contagiosa, che mi fa tirare un sospiro di sollievo e porta pace dentro di me. Come vorrei trovare la gioia, trovarla nelle persone che trovo, nella comunità dei credenti, … +LEGGI TUTTOI discepoli gioirono al vedere il Signore – Seconda domenica di Pasqua – C »

“Ricordatevi come vi parlò” – Pasqua 2019

“Ricordatevi come vi parlò” (Lc 24,6) In un tempo in cui tutto è molto veloce, succede di fare molte cose, ma anche di dimenticarne molte. Raccogliamo tantissime informazioni e facciamo numerose esperienze, ma mettiamo presto tutto in archivio. Diamo un così grande valore al presente, a quanto sentiamo nel momento, tanto da mettere in discussione … +LEGGI TUTTO“Ricordatevi come vi parlò” – Pasqua 2019 »

Benedetto colui che viene, il re, nel nome del Signore – Domenica delle palme, anno C

“Benedetto colui che viene, il re, nel nome del Signore” (Lc 19,38). La liturgia di questa domenica, mettendo insieme due antichissime tradizioni, ci fa condividere due esperienze tra loro molto diverse: prima l’ingresso di Gesù a Gerusalemme e poi la sua passione e morte. All’inizio ci fa condividere con Gesù e una folla gioiosa di … +LEGGI TUTTOBenedetto colui che viene, il re, nel nome del Signore – Domenica delle palme, anno C »

Allora Gesù si alzò e le disse: «Donna» – Quinta domenica di Quaresima, anno C

Allora Gesù si alzò e le disse: «Donna» (Gv 8.10). Parlare di qualcuno e parlare con qualcuno sono due cose molto diverse. A volte è molto più facile parlare degli altri che fermarsi a dialogare con loro e dedicare del tempo, lasciando spazio all’incontro. Il “parlare di” mette a debita sicurezza, permette di essere meno … +LEGGI TUTTOAllora Gesù si alzò e le disse: «Donna» – Quinta domenica di Quaresima, anno C »

“Udì la musica e le danze” – Quarta domenica di Quaresima, anno C

“Udì la musica e le danze” (Lc 15,25) Della parabola raccontata da Gesù in questa domenica, forse il protagonista a cui pensiamo meno è il fratello maggiore, che appare solo alla fine della parabola. È un gran lavoratore, uno che sta nei campi fino a tardi, che non perde tempo in feste e non spreca … +LEGGI TUTTO“Udì la musica e le danze” – Quarta domenica di Quaresima, anno C »